Passa ai contenuti principali

Post

Matteo Vercesi Alessandro Magno nella letteratura italiana del Duecento e Trecento

Dottorato di ricerca in Italianistica e Filologia classico-medievale – XXI° ciclo Scuola di Dottorato in Scienze Umanistiche (A.A. 2008-2009)


Alessandro Magno nella letteratura italiana del Duecento e Trecento
Tesi di dottorato di MATTEO VERCESI – matricola 955172


Settore scientifico-disciplinare di afferenza: L-FIL-LET/10
Post recenti

Slides are Easy

è stata scritta da un amico di un amico, è fantastica.
e, soprattutto, "PREZI è il male, non usatelo mai!"



Slides are easy from Cristiano Rastelli

Vedi anche: La classe perfetta : 10 strumenti web per facilitarti la vita a scuola: 06 settembre 2013  di  Lorenzo Mannella da  http://daily.wired.it/news/internet/2013/09/06/strumenti-web-facilitare-vita-scuola-453622...

Creare palette di colori

Quando iniziamo un nuovo progetto di grafica, web o comunque un lavoro creativo, ci troviamo quasi sempre di fronte il problema di individuare un colore dominante e che esprima al meglio il pensiero del nostro lavoro. Per me questa fase di analisi è sempre stata molto difficile e soprattutto molto onerosa in termini di tempo, considerando inoltre che spesso e volentieri il colore che ho selezionato non ha una validità definitiva, ma si trova spesso a variare durante l’avanzare del progetto (sbagliando). Ecco, quando invece di dover individuare un solo colore mi trovo di fronte alla scelta di una intera palette di colori, la difficoltà aumenta notevolmente e seppur trattandosi di un processo spesso molto divertente ad appagante, richiede molta attenzione ed esperienza. In questo articolo voglio elencarvi degli strumenti utili per scegliere una palette di colori unica e di successo. Continua a leggere su: www.giacomontefusco.it

Ricerca in internet

http://www.edscuola.it/archivio/software/ricerca_internet.pdf Gli operatori di ricerca La ricerca avanzata, dunque, ci permette di selezionare meglio i risultati. Le maschere preconfezionate di cui abbiamo parlato usano una sintassi di ricerca avanzata per mezzo di operatori che l’utente non ha bisogno di inserire. Tali operatori sono numerosissimi e le maschere di ricerca avanzata utilizzano solo i più comuni. Una buona conoscenza degli operatori e delle possibilità di combinazione degli stessi consente di effettuare ricerche avanzate direttamente dalla home page del motore di ricerca e di rendere molto più proficue le nostre esplorazioni del web. Gli operatori più comuni, oltre al segno più (+), al segno meno (-) e alle virgolette alte, parlato, sono i cosiddetti operatori booleani, accettati da quasi tutti i motori di ricerca. Si tratta di quattro parole – AND, OR, NOT e NEAR – in grado di espandere o restringere il campo della ricerca di un’interrogazione. Devono il nome al matem…

C3 - Innovazione didattica per la qualità dell'apprendimento – sede: I.C. Solari - Loreto

C3 - Innovazione didattica per la qualità  dell'apprendimentosede: I.C. Solari - Loreto       
Formatore: Giovanna Cipollari - Tutor:  Michele Mazzieri
Apri il documento e inserisci il nome utente del tuo account Google (o indirizzo di posta elettronica gmail) per avere accesso alla cartella condivisa con tutti i materiali del corso.  Oppure inquadra con una scanner il codice QR 



D2 - Innovazione didattica per la qualità dell'apprendimento - Savoia Benincasa- Ancona

D2 - Innovazione didattica per la qualità dell'apprendimento   sede: I.I.S. Savoia Benincasa- Ancona  Identificativo corso: 4317 - Identificativo Edizione: 5608  Calendario: (ore 15:00-19:00) 19​/9 ​-​ ​​25/9​ ​-​ ​02/10 - 17/10 - 24/10  Formatore: Alessandra Rucci - Tutor: Michele Mazzieri 


Apri il documento e inserisci il nome utente del tuo account Google (o indirizzo di posta elettronica gmail) per avere accesso alla cartella condivisa con tutti i materiali del corso.
Oppure inquadra con una scanner il codice QR 





Regolamento sull’utilizzo del Web e delle tecnologie in classe

[IMPARA DIGITALE]
Non solo il CdC delle classi digitalizzate, ma l’istituto nel suo complesso dovrebbe avere un regolamento interno per un uso intelligente e moderato delle tecnologie. Tutti gli studenti (e anche i docenti) vanno a scuola con smartphone, tablet, note/netbook e ormai moltissime classi hanno il registro elettronico. L’uso corretto e regolamentato di tali tecnologie diviene dunque essenziale, sia per non sovraccaricare la banda, che difficilmente può supportare un numero elevato di account in contemporanea, sia per cercare di limitare un uso improprio dei device durante le lezioni, che porterebbe a una forte distrazione dei ragazzi.
I tablet permettono una personalizzazione del proprio ambiente di apprendimento grazie alle APP; bisognerà dunque indicare quali sono indispensabili per la produttività in classe e quali specifiche delle discipline, in modo da avere un riferimento comune, consapevoli della necessità di un monitoraggio e una ricerca periodica di nuove APP.
I …