Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2016

Indovinello veronese (lavori in corso)

L'interpretazione del più antico documento scritto in un volgare italiano iniziò nel 1924, quando il paleografo Lui­gi Schiapparelli, che stava lavorando sul corpus di un prezioso codice della Biblioteca Palatina di Verona, il Ms. LXXXIX, un orazionale mozarabico scritto in caratteri visigoti, diede la trascrizione delle quattro scritte ritrovate su un foglio di guardia (sulla pagina 3R per la precisione) del manoscritto in un articolo pubblicato nell'Archivio storico italiano, VII, 1 (1924)
L'articolo suscitò un grande interesse, del quale Schieparelli forse non aveva avuto piena coscienza, Il Paleografo stava studiando i fogli di guardia perché era interessato alla storia e agli spostamenti che era riuscito a ricostruire quasi completamente:
Schiepparelli già nel 1924 aveva individuato che:

il libro, scritto in Spagna per la chiesa di Toledo, probabilmente lasciò la penisola iberica poco dopo la conquista araba del Regno di Toledo (711)era arrivato Cagliari, dove al f. 1 …