Passa ai contenuti principali

Indovinello veronese (lavori in corso)

L'interpretazione del più antico documento scritto in un volgare italiano iniziò nel 1924, quando il paleografo Lui­gi Schiapparelli, che stava lavorando sul corpus di un prezioso codice della Biblioteca Palatina di Verona, il Ms. LXXXIX, un orazionale mozarabico scritto in caratteri visigoti, diede la trascrizione delle quattro scritte ritrovate su un foglio di guardia (sulla pagina 3R per la precisione) del manoscritto in un articolo pubblicato nell'Archivio storico italiano, VII, 1 (1924)
L'articolo suscitò un grande interesse, del quale Schieparelli forse non aveva avuto piena coscienza, Il Paleografo stava studiando i fogli di guardia perché era interessato alla storia e agli spostamenti che era riuscito a ricostruire quasi completamente:
Schiepparelli già nel 1924 aveva individuato che:

  • il libro, scritto in Spagna per la chiesa di Toledo, probabilmente lasciò la penisola iberica poco dopo la conquista araba del Regno di Toledo (711)
  • era arrivato Cagliari, dove al f. 1 fu aggiunta in corsivo la sottoscrizione: Flavius Sergius bicidominus sancte ecclesie Caralitane (evidente riferimento a Cagliari).
  • Qualche tempo dopo doveva essere a Pisa (a f. 3v è annotato in scrittura corsiva diversa dalla precedente: Maurezo canevarius fideiussor de anfora vino de Bonello in XX anno Liutprandi regis (l’anno 20° di Liutprando è il 732 e Mauricius è documentato a Pisa nell’anno 730). 
  • Durante il secolo VIII il manoscritto mozarabico doveva essere già arrivato a Verona, come dimostrano le prove di penna ai ff.4, 112v e soprattutto il celebre indovinello veronese scritto in alto al f. 3r , al quale è attribuita una straordinaria importanza, perché costituisce l’esempio più antico di espressione volgare su libro. 
  • Altra prova di penna in caratteri visigotici del sec. VIII si trova a f. 9: Giso presbiter.
    Sul f. 112 è una prova di penna in scrittura carolina del sec. IX: In nativitate Sancte Natalie
  • Il codice fu poi restaurato presso la Biblioteca Vaticana per munificenza di papa Pio XI. 

Da allora, filologi e linguisti non hanno cessato di formulare questioni e congetture, in particolare sul grado di volgarismo cosciente del breve testo, sul suo eventuale colorito veneto-friulano, sulla sua struttura in esametri o altro metro.
Inizialmente la comprensione del testo non era chiara e anche la trascrizione era dubbia. Si sono proposte varie correzioni. Eppure la mano che ha tracciato il segno è tutto fuorché una mano inesperta.
Il passo in avanti decisivo venne fatto nel 1927, grazie a Vincenzo De Bartholomaeis, o meglio, grazie a una sua studentessa universitaria del primo anno che fu la prima che si trattava di un indovinello e a risolverlo


Approfondimento sul sito della Biblioteca Capitolare di Verona

Commenti

Post popolari in questo blog

C3 - Innovazione didattica per la qualità dell'apprendimento – sede: I.C. Solari - Loreto

C3 - Innovazione didattica per la qualità  dell'apprendimentosede: I.C. Solari - Loreto       
Formatore: Giovanna Cipollari - Tutor:  Michele Mazzieri
Apri il documento e inserisci il nome utente del tuo account Google (o indirizzo di posta elettronica gmail) per avere accesso alla cartella condivisa con tutti i materiali del corso.  Oppure inquadra con una scanner il codice QR 



Aquisgrana nelle Marche?! Cosa resta della frottola più grottesca del decennio

Sono tornati alla carica? Quando ho letto la notizia sul Resto del Carlino non ci volevo credere. Così casomai qualcuno incuriosito volesse fare delle ricerche internet, voglio dare un po' di visibilità a un articolo che con un'ammirevole tenacia confuta una delle teorie più confuse e strampalate che siano mai state formulate.

L'ormai lontano 2 aprile 2005, Franco Valentini, presidente del "Comitato per lo studio della presenza dei Carolingi in Val di Chienti, scriveva

Mi si critica strumentalmente su Illig, ma non si dice niente sul Nanselrath  come già avevo fatto osservare la volta scorsa. Non si dice niente sulle varie "traslazioni",sul Capitolare de Villis, niente sui terremoti con scansione appenninica ad Aquisgrana, niente sulla prova architettonica di Theodulf, del Notker, del Widukind, niente sulla assenza totale di chiese prima del 1000 ad Aachen, niente sull'ORNAT dello Jedin, niente sulla tomba di Ottone III ad Aquisgrana che ad Aachen non c…

Il guerriero nella storia

Ecco cosa scrive riguardo a Droctulft lo storico Paolo Dicacono in Historia Langobardorum (liber III, caput 19). Traduzione a cura di Mazzieri-Tonucci-Verdolini. Classe IIAp - Liceo 'C. Rinaldini' - Ancona a.s.2010-2011.

Huius sane Droctulft, de quo praemisimus, amminiculo saepe Ravennatium milites adversum Langobardos dimicarunt, extructaque classe, Langobardos, qui Classem urbem tenebant, hoc adiuvante pepulerunt. Cui, cum vitae explesset terminum, honorabile sepulchrum ante limina Beati Vitalis martyris tribuentes, tali eius laudes epitaphio extulerunt:
Clauditur hoc tumulo, tantum sed corpore, Drocton; Nam meritis toto vivit in orbe suis.
Cum Bardis fuit ipse quidem, nam gente Suavus;
Omnibus et populis inde suavis erat.

5 Terribilis visu facies, sed mente benignus,
Longaque robusto pectore barba fuit.
Hic et amans semper Romana ac publica signa,
Vastator genti adfuit ipse suae.
Contempsit caros, dum nos amat ille, parentes,
10 Hanc patriam reputans esse, Ravenna, suam.
Huius pri…