Passa ai contenuti principali

Perché un laboratorio sulle fonti?


La scelta di far lavorare gli studenti direttamente sulle fonti si prefigge di integrare il normale programma scolastico presentando agli alunni quelle che sono le procedure e gli strumenti della ricerca storica, facendo loro acquisire una certa familiarità con la fonte documentaria, ‘materia prima’ di tale ricerca.
Si tratta in definitiva di far prendere coscienza dei processi della ricerca storica, in modo tale che possa affrontare in maniera più profonda e critica i contenuti che gli vengono proposti dai manuali scolastici.
La lettura dei nostri manuali di storia stimola poco il senso critico dello studente Egli troppo spesso, si trova di fronte a una scala di valori il cui significato non è e non può essere elaborato criticamente e invece viene assimilato nella sua convenzionale (e in qualche modo ipocrita) superficialità.

Commenti

  1. Complimenti per l'apertura del blog! Le osservazioni del post mi hanno fatto venire in mente quanto Ivo Mattozzi sostiene da anni...
    Filippo Bruni

    RispondiElimina
  2. Brusa e Mattozzi sono, in effetti i nostri primi riferimenti, ma, devo dire, anche antonio desideri che di questa didattica è stato un pioniere

    RispondiElimina
  3. Utilizzare le fonti per integrare i manuali scolastici è sicuramente un'ottima idea: i libri che si usano a scuola sono in effetti solo il punto di partenza per lo studio degli eventi passati, ma altrettanto importante - se non più stimolante - risulta andare a vedere come è stata scritta la storia. Credo che per un ragazzo sia un'esperienza importante sapere usare criticamente le fonti, anche per essere poi in grado di orientarsi nella selva della società dell'informazione...

    RispondiElimina
  4. Ritengo che sia molto importante far lavorare gli studenti a contatto con le fonti, nell'apprendimento della storia.Penso che lo studio della disciplina risulti in questo modo più interessante, anzi la storia sarà considerata non semplicemente una disciplina ma un patrimonio dell'uomo. A mio avviso è invece più complessa l'acquisizione di un atteggiamento critico, il riconoscimento non superficiale di una scala di valori. Questa può essere una fase successiva in un percorso didattico.

    RispondiElimina
  5. Reputo anch'io che l'utilizzo delle fonti nella didattica sia importantissimo; in effetti, l'analisi delle fonti ha prima di tutto un forte impatto motivazionale; inoltre, analizzare una fonte permette allo studente di mettere in moto tutta una serie di abilità di analisi assolutamente trasversali ad altre discipline. Infine, lo studiare storia tramite le fonti permette un apprendimento veramente significativo e dunque facilita - credo - la memorizzazione a lungo termine degli avvenimenti storici studiati.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Aquisgrana nelle Marche?! Cosa resta della frottola più grottesca del decennio

Sono tornati alla carica? Quando ho letto la notizia sul Resto del Carlino non ci volevo credere. Così casomai qualcuno incuriosito volesse fare delle ricerche internet, voglio dare un po' di visibilità a un articolo che con un'ammirevole tenacia confuta una delle teorie più confuse e strampalate che siano mai state formulate.

L'ormai lontano 2 aprile 2005, Franco Valentini, presidente del "Comitato per lo studio della presenza dei Carolingi in Val di Chienti, scriveva

Mi si critica strumentalmente su Illig, ma non si dice niente sul Nanselrath  come già avevo fatto osservare la volta scorsa. Non si dice niente sulle varie "traslazioni",sul Capitolare de Villis, niente sui terremoti con scansione appenninica ad Aquisgrana, niente sulla prova architettonica di Theodulf, del Notker, del Widukind, niente sulla assenza totale di chiese prima del 1000 ad Aachen, niente sull'ORNAT dello Jedin, niente sulla tomba di Ottone III ad Aquisgrana che ad Aachen non c…

C3 - Innovazione didattica per la qualità dell'apprendimento – sede: I.C. Solari - Loreto

C3 - Innovazione didattica per la qualità  dell'apprendimentosede: I.C. Solari - Loreto       
Formatore: Giovanna Cipollari - Tutor:  Michele Mazzieri
Apri il documento e inserisci il nome utente del tuo account Google (o indirizzo di posta elettronica gmail) per avere accesso alla cartella condivisa con tutti i materiali del corso.  Oppure inquadra con una scanner il codice QR 



Il guerriero nella storia

Ecco cosa scrive riguardo a Droctulft lo storico Paolo Dicacono in Historia Langobardorum (liber III, caput 19). Traduzione a cura di Mazzieri-Tonucci-Verdolini. Classe IIAp - Liceo 'C. Rinaldini' - Ancona a.s.2010-2011.

Huius sane Droctulft, de quo praemisimus, amminiculo saepe Ravennatium milites adversum Langobardos dimicarunt, extructaque classe, Langobardos, qui Classem urbem tenebant, hoc adiuvante pepulerunt. Cui, cum vitae explesset terminum, honorabile sepulchrum ante limina Beati Vitalis martyris tribuentes, tali eius laudes epitaphio extulerunt:
Clauditur hoc tumulo, tantum sed corpore, Drocton; Nam meritis toto vivit in orbe suis.
Cum Bardis fuit ipse quidem, nam gente Suavus;
Omnibus et populis inde suavis erat.

5 Terribilis visu facies, sed mente benignus,
Longaque robusto pectore barba fuit.
Hic et amans semper Romana ac publica signa,
Vastator genti adfuit ipse suae.
Contempsit caros, dum nos amat ille, parentes,
10 Hanc patriam reputans esse, Ravenna, suam.
Huius pri…